L’importanza del pedigree

pedigree

Il Pedigree è un documento ufficiale rilasciato dall’ENCI che attesta e certifica l’iscrizione del cane ai libri genealogici che fornisce:
  • il numero d’iscrizione ROI (Registro Origini Italiano)
  • i dati anagrafici del cane (razza-nome-sesso-data di nascita-colore del mantello-tatuaggio o microchip-genealogia)
  • l’allevatore
  • i nominativi d’eventuali nuovi proprietari
In sostanza è una sorta di “carta d’identità” del nostro cane dove, oltre a tutti i suoi dati identificativi, è riportata la genealogia sotto forma di “albero”, fino ai trisnonni, gli eventuali titoli degli antenati ed eventuali esami sanitari; perciò è una certificazione dell’appartenenza del soggetto ad una razza pura. Il fatto che un cane abbia il pedigree non significa che sia necessariamente un cane da esposizione, ma semplicemente che è figlio di soggetti con pedigree.  Attraverso questo documento possiamo scoprire chi potessero essere i capostipiti del cane… Ma possiamo risalendo ai parenti sapere con precisione se il cane discenda da un certo allevamento, e da una determinata linea di sangue (da lavoro, da expo…) e che carattere aspettarci dal futuro cucciolo sapendo per esempio che i genitori e i nonni erano soggetti dal carattere forte o timido o pauroso.  Esso è comunque una garanzia della rintracciabilità dei soggetti e della serietà dell’allevatore, che paga le tasse e rispetta i regolamenti ENCI in questioni relative alle condizioni di benessere e salute dei propri cani, impegnandosi a far riprodurre cani sani, privi di malattie e patologie ereditarie, a non far riprodurre femmine troppo giovani o troppo anziane e rispettare i calori di riposo.  Il pedigree viene richiesto dall’allevatore all’ente preposto in questo caso in italia è l’ENCI (Ente Nazionale Cinofilia Italiana) tramite la compilazione e la presentazione di determinati modelli riguardanti i nuovi nati. Il Modello A ed il Modello B sono i documenti che il proprietario della fattrice, nonchè allevatore della cucciolata, deve inviare all’ENCI entro termini di tempo prestabiliti per ottenere il pedigree per i cuccioli. La denuncia di monta e nascita dei cuccioli (Modello A), deve essere presentata entro 25 giorni dall’accoppiamento. Successivamente deve essere fatta la denuncia di iscrizione della cucciolata (Modello B) entro 90 giorni mediante la quale l’allevatore può intestare il cucciolo al futuro proprietario oppure tenerlo intestato a se stesso.  In questo modo il cucciolo verrà ceduto al nuovo proprietario, attraverso la registrazione del passaggio di proprietà presso una delle Delegazioni dell’ENCI presenti sul territorio nazionale.  I cani che vengono importati da nazioni estere riconosciute dalla Federazione Cinologica Internazionale (FCI) devono essere accompagnati da un documento (export pedigree) che deve essere convertito, facendo apposita richiesta all’ENCI. Altri tipi di pedigree non hanno valore per l’ENCI.  La pratica d’iscrizione e il relativo pedigree hanno un costo di poche decine di euro per l’allevatore quindi diffidate da chi propone cuccioli a prezzi scontati perché sono senza pedigree!

 

 

by
Scritto il 5 febbraio 2014